10 cose da fare quando sei senza lavoro


http://www.lavorameglio.eu/10-cose-da-fare-quando-sei-senza-lavoro/#more-298


Sei rimasto senza lavoro.
Eri dipendente e ti hanno silurato, oppure seiun freelance che non vede clienti da mesi. Capita, sempre più spesso e sempre a più persone.
Il momento di pausa (chiamiamolo così) tra un lavoro e l’altro è un passaggio critico, ma non necessariamente in senso solo negativo.
Se superi l’emergenza e riesci a gestirla, puoitrasformare la fase di crisi in opportunità.
Naturalmente la prima cosa che devi fare (prima ancora di passare al decalogo vero e proprio) è risolvere il problema sopravvivenza. Questo però è solo il primo passo.
Assicurati di avere da mangiare e un tetto sotto il quale dormire, anche con lavoretti che non avresti mai pensato di fare, ma saranno comunque esperienze utili. Poi, prendi il tuo tempo libero (che è la sola e vera ricchezza del disoccupato) e sfruttalo meglio che puoi. Un giorno potresti perfino essere grato a questa parentesi di “vuoto”, anzi potresti addirittura arrivare a considerare la perdita del tuo lavoro precedente come un colpo di fortuna.
Ok, ora non voglio esagerare con l’ottimismo. In ogni caso, segui questi consigli e probabilmente riuscirai ad attutire il colpo molto meglio che continuando a imprecare contro il tuo ex capo, contro i clienti che non arrivano o, peggio ancora, contro il destino.
Questo è proprio il momento in cui il destino cominci a ricostruirtelo.

1) ISCRIVITI AI SITI DI ANNUNCI
Di siti che ospitano – spesso gratuitamente – annunci di lavoro, ce ne sono davvero tanti. Molti sono fuffa, del tutto inutili, o specchietti per allodole di servizi a pagamento, ma alcuni possono invece riservare qualche bella sorpresa.

2) APRI UN BLOG DEDICATO ALLE TUE COMPETENZE PROFESSIONALI
Aprire un blog in cui parlare del tuo lavoro è un modo per restare in contatto con la tua professionalità. Ti permette di mantenere vive le tue conoscenze e le competenze acquisite, e di non lasciarle arrugginire a causa dell’inattività. Trattare argomenti inerenti al tuo lavoro ti spingerà a tenerti informato e aggiornato. Inoltre sarà un modo per farti conoscere da colleghi e potenziali clienti.

3) FREQUENTA E COMMENTA I BLOG DEGLI ALTRI
Cerca sul web dei blog che trattano argomenti vicini alla tua professione. Cerca di entrare in contatto con gli autori lasciando commenti pertinenti ai loro articoli. Senza risultare strafottente, fai vedere che anche tu ne sai qualcosa e che puoi dire la tua.

4) CURA I TUOI PROFILI ONLINE
Quando lavoravi otto ore al giorno, o anche di più, non avevi tempo per farlo. Adesso approfittane per mettere mano ai tuoi profili sui vari social network (senza tralasciareLinkedIn ovviamente), aggiornare il tuo curriculum e il tuo portfolio online. Magari anche la foto :)

5) SCARICA EBOOK E INFOPRODOTTI SUL TUO SETTORE
Si ha un bel dire che bisogna fare “formazione permanente”. La verità è che risulta molto difficile lavorare e studiare insieme. Per questo i momenti di “non lavoro” sono l’occasione ideale per rimettersi in pari con le conoscenze, aggiornare le proprie competenze, scoprire le ultime novità, approfondire argomenti sui quali avevi delle lacune.
Online trovi anche gratuitamente un sacco di materiale da scaricare, che ti potrà essere utile per imparare cose nuove sul tuo settore professionale. Se non lo fai ora, quando?

6) CONTINUA A PRODURRE, ANCHE SE NON VENDI
Non smettere di lavorare, mantieniti attivo. Anche se al momento le tue prestazioni non sono richieste, tu continua a fare ciò in cui sei bravo. Anche se non saranno beni e servizi subito vendibili, ti serviranno per tenerti in allenamento, per fare portfolio e poi, più avanti, per avere qualcosa di già pronto da vendere quando i clienti torneranno. Perché stanne certo, torneranno, devi solo lasciare che il vento faccia il suo giro.

7) MIGLIORA IL TUO INGLESE
Sai che devi farlo, da una vita. Fallo ora. Una buona conoscenza dell’inglese ti offrirà numerosi vantaggi in campo professionale, come l’occasione di ampliare a dismisura i tuoicontatti, la possibilità di studiare anche testi stranieri (con tuo grande vantaggio nei confronti della concorrenza) l’opportunità di collocarti su un mercato del lavoro molto, molto più vasto.

8) MANTIENITI IN FORMA
Per superare i momenti critici della vita non ci vuole solo testa, ma anche fisico. Prenditi cura di te come e più di prima. Ora che hai un po’ di tempo la mattina, vai a correre: ti assicurerai una maggiore lucidità mentale ed efficienza per tutto il resto della giornata; ne hai bisogno, adesso che stai per riprogettare la tua vita.

9) ESCI DI CASA, FAI COSE, VEDI GENTE
Ricordati che il lavoro non si trova solo online. Non fossilizzarti davanti al computer alla disperata ricerca di un annuncio o dell’ennesima occasione imperdibile (non lo sono quasi mai). Esci di casa, frequenta i luoghi dove pensi di poter incontrare gente che fa il tuo stesso lavoro, rimani nel giro. È più facile trovare un lavoro a un aperitivo che in un ufficio di collocamento.

10) NON CEDERE AI PENSIERI NEGATIVI
Se cominci ad avvitarti in pensieri negativi è finita, non te la cavi più. Sono capaci tutti a stare su di morale quando le cose vanno bene. Quando vanno meno bene devi richiedere a te stesso uno sforzo in più per essere positivo, per non perdere il buon umore, per rimanere in una condizione di ragionevole ottimismo. Se cedi alla negatività andrà sempre peggio, se riesci a tenere la testa alta e il sorriso sulle labbra, avrai molte probabilità in più di attirare nuove opportunità. Non è una frase fatta, è un dato di fatto.